giovedì 27 luglio 2017
Registrazione  |  Login
Il Labirinto - ITTIRI
     

Aperto
LUN.MART.GIOV.VEN.SAB.
Mattina: 09
.00-13.00
Sera:
16.00-20.00

CHIUSO
Mercoledì e
Domenica



LINK UTILI

COMUNE ITTIRI
BIBLIOTECA COMUNALE

    
     

 
La libreria si trova  nel cuore del centro storico di Ittiri, con spazi dedicati a tutti i gusti dei lettori e con possibilità di ordinare qualsiasi tipo di libro. Un ampio settore é dedicato all'editoria regionale e alle pubblicazioni locali, mentre uno spazio importante sarà interamente dedicato all'editoria per ragazzi e per bambini con libri, giochi e tante divertenti curiosità. E poi ancora dvd, film, cartoni animati, spettacoli e documentari – dai più belli e più visti a quelli più rari – cartoleria di qualità e tanti, tantissimi altri articoli originali.

ALTRI SERVIZI
SCONTI E PROMOZIONI e MondadoriCard

ATTIVITA'
Incontri con le scuole;  Incontri con l'autore; Laboratori per adulti e bambini

    
  SIAMO QUI...  

 

ITTIRI
Corso Vittorio Emanuele, 95
Tel. 0794451007
librerialabirinto_ittiri@virgilio.it
 

    
  ITTIRI (SS) [fonte: sardegnaturismo]  

Ittiri si trova nel territorio del Sassarese, in provincia di Sassari. Sorge su un altopiano a circa 450 metri sul livello del mare, immerso in un territorio che alterna uliveti e vigneti, altopiani e zone pianeggianti. Circondato da numerose vestigia archeologiche, come necropoli e nuraghi, il paese di Ittiri vanta una storia molto antica e stratificata. Tolomeo d'Alessandria, in una descrizione della Sardegna del II secolo, cita come primi abitanti di Ittiri i Coracenes, che avrebbero occupato i luoghi compresi fra Coros e l'antico villaggio di Carbia, presso Alghero. Ai Coracenses seguirono i Libici, i Galati, gli Etruschi, i Fenici e i Cartaginesi. Tra la prima e la seconda guerra punica ai Cartaginesi subentrarono i Romani.

In epoca medioevale Ittiri fu incorporata nella Curadoria di Coros, e intorno all'anno Mille venne colonizzata da monaci che vi fondarono monasteri, le Chiese di Paulis e Coros, il Monastero e la Chiesa di Santa Maria di Cea. Le strade del centro storico sono abbellite da statue in trachite rossa che riflettono l'abbondanza di questa varietà litica nel territorio.